Paolo Inguanotto

 

 Il 29 agosto 2016 ci ha lasciato, del tutto inaspettatamente, Paolo Inguanotto, uno dei più apprezzati docenti della Scuola Biblica. Una caduta in casa, pochi giorni in ospedale, l’improvviso aggravamento, la morte che ha lasciato tutti costernati e increduli.

Della sacra scrittura Paolo era un esperto conoscitore, che si spingeva alla ricerca di sempre nuove ricerche, aggiornandosi puntualmente sugli sviluppi degli studi biblici, anche i più avanzati e discussi. Ma la sua non era un’erudizione da puro studioso, per quanto la sua formazione scientifica lo rendesse estremamente rigoroso e critico: sapeva infatti unire al rigore dell’esegesi la passione della “lectio” proponendo un’attualizzazione del messaggio scritturistico sempre molto stimolante.

Come docente della Scuola Biblica, per trentacinque anni, è stato veramente un maestro stimato per il suo rigore mai arido, che gettava le basi così da permettere a chi partecipava agli incontri di imparare un metodo e proseguire da solo.

Per tutta la Scuola Biblica – anche per i docenti – Paolo è stato un punto di riferimento: ci mancherà.


Francesca Romanelli

  

Il 9 luglio 2016 Francesca Cavazzana Romanelli ci ha lasciato, dopo una lunga malattia, combattuta per anni con grande coraggio.

Con estremo pudore aveva convissuto per più di vent’anni con un cancro subdolo e travolgente, senza esserne mai vinta, combattendo colpo su colpo, accettando senza riserve ogni terapia, non permettendo alla malattia di appropriarsi della sua vita che, invece, è rimasta ricca di affetti, di incontri, di relazioni, di impegni.

La Scuola Biblica  la ricorda con commozione e con viva gratitudine. Fece parte infatti di quel piccolo gruppo di laici che, nel 1980, affiancò don Bruno Bertoli nella fondazione della Scuola stessa, entrando a far parte, in seguito, per alcuni anni, dell’équipe dei docenti; e fino ai suoi ultimi giorni seguì con partecipe attenzione e con entusiasmo i nostri lavori, non facendo mancare consigli e sostegno. La sua memoria sia in benedizione.

Back to top