le conferenze di gennaio

La Scuola Biblica presenta le conferenze pubbliche con cui ha dato inizio al secondo quadrimestre dei suoi lavori

 

È possibile scaricare i file audio delle conferenze

con il link sotto alle foto

 

FINE O NUOVO INIZIO?

 

VENEZIA2018 gennaio immortalità e resurrezione2018 gennaio immortalità e resurrezione

Sala Sant’Apollonia, Ponte della Canonica

giovedì 11 gennaio 2018, ore 18.00 – 19.30

 

Immortalità e risurrezione

mons. Romano Penna (Pontificia Università Lateranense - Roma)

 

 

 

 

 

Immortalità e risurrezione - file mp3, 66 MB

file audio in formato mp3

A seconda delle impostazioni del vostro dispositivo,

facendo click o toccando il link potrete ascoltare o scaricare il file

facendo click con il tasto destro del mouse oppure toccando a lungo potrete salvare il file

 

 

2018 gennaio apocalisse fine del mondoVENEZIA

Sala Sant’Apollonia, Ponte della Canonica

venerdì 12 gennaio 2018, ore 18.00 – 19.30

 

Apocalisse: fine del mondo?

don Michele Marcato (Facoltà Teologica del Triveneto)

 

 

 

 

Registrazione Apocalisse: fine del mondo - file mp3, 63 MB

file audio in formato mp3

A seconda delle impostazioni del vostro dispositivo,

facendo click o toccando il link potrete ascoltare o scaricare il file

facendo click con il tasto destro del mouse oppure toccando a lungo potrete salvare il file

 

Vedi l'articolo (pdf) del settimanale diocesano "Gente Veneta" (n.3/2018) che offre un'efficace sintesi delle due conferenze.

 

Morte, resurrezione, fine dei tempi, vita eterna: sono temi su cui si interrogavano i cristiani delle origini, tanto che san Paolo, con il linguaggio che gli è proprio e che era in uso allora, interviene con la sua parola per rassicurare i fratelli della giovane chiesa di Tessalonica.
Le due conferenze di gennaio, affidate a due biblisti che hanno dedicato i loro studi soprattutto al periodo delle origini cristiane, hanno lo scopo di aiutarci a comprendere meglio quello che la Scrittura in generale, e il Nuovo Testamento in particolare, hanno da dirci sull’argomento, perché una riflessione sul «dopo» non può che aiutarci a vivere meglio l’«ora».

Back to top